Italy · 3 Days · 16 Moments · September 2017

EuropaLampedusa 2017 Liceo Duca degli Abruzz


3 October 2017

Spicca, tra le onde livide, una corona di fiori gialla lanciata dal Presidente Grasso. Possa il ricordo dei morti e l'omaggio ai sopravvissuti generare il seme dell'accoglienza e del dialogo.
A bordo di un peschereccio lampedusano che solca un mare burrascoso, ci avviciniamo al luogo del naufragio a otto miglia dalla costa, dove avranno luogo le ultime celebrazioni di questa indimenticabile giornata. Sembriamo profughi?
Sotto il cielo plumbeo di Lampedusa sta per iniziare la cerimonia in mare alla presenza delle autorità. È con noi la ministra Fedeli per ribadire tutti insieme: “ L’ Europa inizia a Lampedusa! “
Presso la porta della Pace, capolavoro artistico che segna il punto più a sud d'Europa, preghiamo In lingue diverse lo stesso Dio. Il vento soffia e scompiglia i capelli. Qualcosa di noi passa attraverso quella porta.
Il mattino del 3 ottobre finalmente marciamo mettendoci la faccia. Questa causa ha bisogno dei nostri piedi, delle nostre braccia e gambe. Speranza e dignità le parole che ci risuonano dentro.

2 October 2017

Ci stringiamo attorno a Tareke , presidente del Comitato 3 ottobre. Grazie al suo impegno è nata l'iniziativa di ricordare le vittime dell'immigrazione al motto "Protect people not Borders".
Nel pomeriggio nel cortile della scuola "Pirandello" dove si svolgono tutti i nostri laboratori, si è levata la timida ma accorata voce dei sopravvissuti al naufragio del 3 ottobre 2013. La tragedia sta prendendo corpo, bocca e anima.
Il secondo giorno raccogliamo la sfida di un seminario tenuto in inglese dalla ONG "Medici senza frontiere". Attorniati da studenti austriaci e maltesi abbiamo affrontato il tema "search and rescue operations at sea"....what if we were those migrants?

1 October 2017

La serata si accende con uno spettacolo musicale di Sandro Joyeux sostenuto da UNHCR. Attraverso la musica incontriamo suoni e luoghi mescolando culture e lingue in spontanei canti corali!
Ai tavolini del bar "O' scia", davanti a deliziose granite al gelso, condividiamo le prime riflessioni sull'esperienza che stiamo vivendo e ci sta cambiando. Risa e lacrime talvolta si mescolano: la ricorrenza del 3 ottobre si sta avvicinando!
Nel pomeriggio riprendono i seminari presso l'istituto "Pirandello". Molti i temi dibattuti : dalla tratta degli esseri umani a cura dell'OIM, all'hate speech a cura dell'Associazione Carta di Roma.
L’isola è un gioiello naturalistico che fa da sfondo inconsapevole agli sbarchi. Vale la pena visitarla anche per sfatarne l'immagine cupa e caotica veicolata dai media.
Avvantaggiati dal bel tempo, eccoci in pausa pranzo alla famosa spiaggia dei Conigli accompagnati da un giovane di Legambiente.
Il mattino dopo siamo già al lavoro. Inizia il nostro primo workshop con i medici del CISOM. In un role-play davvero coinvolgente prendiamo le parti dei migranti che fuggono lasciando casa ed affetti.

30 September 2017

All'arrivo, in serata, il tramonto si carica di aspettativa. Sul molo incrociamo gli sguardi e scambiamo le prime parole con gli altri gruppi di studenti appena arrivati,come noi, a Lampedusa, da tutta Italia ed Europa.
Grazie all'opera video "È più facile amare o odiare?", la classe 3^AU è tra i vincitori del prestigioso concorso "L'Europa inizia a Lampedusa", bandito per stimolare nelle scuole europee riflessioni consapevoli sul grande tema delle migrazioni contemporanee. Dal "Duca" parte una delegazione di quattro studenti accompagnati dalla docente curatrice del progetto.