Israel · 5 Days · 10 Moments · February 2018

2 March 2018

BETLEMME: Un’altra parte da dedicare a Betlemme sono i graffiti di Banksy. Dalla fermata del bus, invece di andare a destra per il centro, prendi il senso opposto e arriva all’Hotel The Walled Off dove c’è una sua art gallery (11-19.30). Subito a lato si erge l’altissimo muro di separazione pieno di graffiti di vari artisti. Per trovare quelli di Bansky, chiedi! La colomba e il soldato con la bambina (si trova in un negozio!) sono vicinissimi! L’unico che necessita il taxi é “il ragazzi che lancia i fiori” che si trova fuori. Un taxi per 6 persone per vedere l’hotel e i graffiti vicini chiede 100 Nis, e si può fare a piedi quindi non ne vale il costo!😉
BETLEMME: Il bus ci lascia su una strada principale a circa 1km dal centro, percorrendo a piedi ci si addentra nei mercati e suq, in chiese e moschee, fino ad arrivare a Manger Square. Qui si trova la Basilica della Natività e attaccata la Chiesa di Santa Caterina (non visitabile). Dalla piazza, prendendo la Milk Grotto Street si arriva appunto alla Cappella della grotta del Latte, dove Maria allattò Gesù. In piazza ci sono baracchini dove comprare Falafel (o kebab) e una spremuta di aranca o melograno fatta al momento!😋 Sconsiglio di usare taxi, il costo non giustifica la bellezza di scoprire queste stradine arabe e il poco impegno (1km e poco più!) che ci vuole per raggiungere il centro!
GERUSALEMME: Ovviamente la parte vecchia, entrando dalla porta di Damasco inizia la parte araba. É un susseguirsi di suq e bancarelle addossate che ti fanno perdere l’orientamento e sfociano negli edifici di massimo culto: la Basilica del Santo Sepolcro, dove Gesù é stato crocifisso, ha passato gli ultimi istanti ed é risorto, e il relativo quartiere cristiano; il Muro Occidentale (meglio noto come muro del pianto) dove migliaia di ebrei piangono e pregano in continuazione e subito attaccata la Moschea Al-Aqsa. Infine il gioiello più prezioso per ebraismo e islam: la Cupola della Roccia, dove secondo le rispettive tradizioni Abramo stava per sacrificare suo figlio e dove Maometto salí in cielo. Davvero suggestivo il tramonto con le luci (e la luna piena se si é fortunati) delicate del Medio Oriente che calano su questo luogo spirituale in cui religioni, in conflitto da millenni, sembrano aver trovato un equilibrio di pacifica convivenza😊

1 March 2018

GERUSALEMME E BETLEMME: da Tel Aviv si arriva in una stazione/centro commerciale, uscendo da qui ci sono bus o tram (6Nis) per arrivare al Porta di Damasco in Città Vecchia. Da qui partono i bus palestinesi (n.231, chiedi sempre comunque) che raggiungono Betlemme in circa 30min al costo di 7 Nis. Ricordati di portare passaporto e visto richiesti per rientrare a Gerusalemme, infatti c’è purtroppo il posto di blocco con muro di frontiera dove si ferma obbligatoriamente il bus. Per rientrare a Tel Aviv i bus partono ogni mezz’ora (00’ - 30’)

26 February 2018

TEL AVIV: La famosa via Rothschild offre molto tra bar, rooftop come lo speakeasy (meglio prenotare sulla loro pagina Fb) e discoteche tipo JimmyWho?. Spostandosi sulla spiaggia ci sono molti locali belli, grandi e cari..come tutta la città 😂 Light House é uno di questi, io ho pagato un’entrata (contrattabile) sui 60 Sk e un cocktail costa circa 20€!
TEL AVIV: In via Allenby lasciandoti il mercato Ha’Carmel sulla sinistra, poco più avanti c’è questo posticino sulla strada (unica pecca) sulla destra dove mangiare strabene: Hummus con fave calde e Marawach, la piadina yemenita accompagnata da salse piccanti e non: favoloso! A prezzi medi! Il posto lo riconosci dalle tende rosse e dai menu con scritto: il secondo hummus più buono della città 😂👍🏻 se prendi il bus n.31 ti lascia vicinissimo al ristorantino!
TEL AVIV PARTE II: Durante lo shabbat tutto si ferma: dalle 16.30/17 del venerdì al tramonto del Sabato é davvero difficile (se non impossibile) trovare un bus pubblico e i taxi aumentano la loro tariffa! Ma non disperare: puoi noleggiare una bici elettrica (il giorno prima, sennò trovi chiuso) o recarti a HaTayasim Terminal (Mahal Street, lo trovi sulla sinistra, a 2/3 km dall’hotel) dove partono gli Sherut, pulmini di 12 persone che per 8 Nis ti portano in centro, ultima fermata Jerusalem Beach🚌😎
TEL AVIV: dall’hotel Kfar Maccabiah appena esci, attraversa la strada e trovi la fermata del bus n.31 che ti porta al terminal vicinissimo alla moschea Hasan Dek, passando Allenby e Lewinsky Street. Rientrando in Hotel invece ti lascia proprio di fianco, ricordati quindi di aspettare nella giusta direzione e comunque chiedi sempre agli autisti ben informati. Fuori dall’hotel sempre sulla destra, proseguendo fino alla strada principale Aluf Sade ci sono vari bus che passano, tra cui il n.55 che porta in spiaggia (ferma zona Hilton) o il n.472 che lascia alla stazione centrale da cui partano tutti i bus per la città (solo urbani!) come il n.41 che lascia all’Old Jaffa e vicino a Neve Tzedek. I biglietti costano 7 Nis. Invece dall’hotel appena si arriva a Aluf Sade, tenendo la destra e camminando 5min si arriva alla stazione Aluf Sade che con il n.400 collega Gerusalemme in 50 minuti al costo di 16 Nis.
TEL AVIV: All’incrocio tra Allenby e King George, c’è il mercato Ha’Carmel: molto classico, ma si trova dell’ottima frutta e qualche spuntino veloce. Da percorrere sulla parte pedonale, la Rothschild Boulevard, con gli edifici in stile Bauhaus e chioschietti simpatici per una pausa!
TEL AVIV: partendo dall’Hilton c’é tutto un lungo mare ciclopedonale con baretti on the beach super cool&easy, come é l’atmosfera che si respira qui!😊 Si può salire sulla terrazza dell’hotel Carlton con vista a pieno sul mare (e senza che nessuno ti chieda nulla). Fermarti al Gazoz Beach per un drink e dell’ottimo Hummus, fino ad arrivare alla Moschea Hasan Bek (entrata gratis ma nulla di che!). Alla Old Jaffa invece si respira clima arabo con il mercatino delle pulci e una bella vista dall’alto sul lungomare. Ci sono la Clock Tower, lo moschea e i giardini HaPisgah con il Wishing Bridge: tocca il tuo segno zodiacale, esprimi un desiderio e guarda verso il mare!😊 A piedi si arriva nel bel quartiere di Neve Tzedek dove il traffico fa spazio a musei, stradine simmetriche e una sensazione di piccola oasi metropolitana! Proseguendo (sempre a piedi!) arrivi alla Shalom Tower e alla famosa Allenby Street con la Grande Sinagoga e numerosi posti dove mangiare o cambiare i soldi.